Stanca. In silenzio,
mordo il collo del piccolo mio
nel punto piú docile,
quasi gatta che trascina il suo cucciolo,
mentre l’anima mia ne succhia il sangue.