Sono cominciati alcuni lavori di ristrutturazione dell’interfaccia del Blog.

Con una fiducia che rasenta l’incoscienza Porphydo ha accettato che l’aiutassi a sistemare la grafica e a migliorare il funzionamento del sito. Dopo alcuni esperimenti siamo arrivati scegliere questo nuovo tema, che ci sembra più consono ad un luogo dove si scrive, si legge e si commenta.

Nel fare questo abbiamo cercato di tener conto delle indicazioni emerse da alcuni utenti durante questi primi giorni di rodaggio.

Non tutto sarà disponibile subito e molte cose forse non saranno disponibili mai, perché il blog è ospitato a titolo gratuito da WordPress e le ulteriori possibilità di personalizzazione sono a pagamento. Vi invito comunque ad intervenire, con un commento a questo post, indicando cosa secondo voi si può aggiungere o modificare.

Sempre attraverso i commenti potete chiedere delucidazioni su qualunque aspetto che dovesse risultare poco chiaro. Solo dovrete avere pazienza per le prossime ore, perché le cose cambieranno man mano che le modificherò.

Più tardi aggiungerò alcune indicazioni su come abbiamo pensato di organizzare l’uso delle categorie.

a presto

sz—

————————————————————————————–

Ecco: il grosso è fatto.

È in funzione il nuovo tema e sono state inserite tutte le categorie, che pensavamo di usare in questo modo:

Sono raggruppate in tre filoni:

1.  Bacheca (solo una categoria)
2.  Genere (con quattro -per ora- sottocategorie:)
— Commento
— Letteratura
— Poesia
— Racconto
3.  Parole di scrittorio (una sottocategoria per ogni parola)
— …
— 1112 – Stereotipo
— 1201 – Ultimo
— 1202 – Menzogna
— 1203 – Piuma
— …

Sostanzialmente propendo per avere come categorie sia il genere dello scritto, sia la parola a cui si riferisce. I tag li lascerei a discrezione dell’autore per evidenziare alcuni aspetti della propria opera.
Questo perché essendo obbligati ad usare le categorie già esistenti non si fanno troppi pasticci coi tag. O meglio: se si fanno, sono di poco danno.

Il numero prima della parola indica anno e mese di quella parola (YYMM) in modo che anche in un ordinamento alfabetico rimangano in ordine di data. Però se non piacciono si possono togliere.

I racconti di Marytarta e Ivanomario sono stati modificati e ri-categorizzati secondo questa struttura.

A voi i commenti ;)

Annunci